Archives for Januar 2021

Charles Cascarilla: PayPal Whisperer

La „pila normativa come servizio“ è noiosa da morire fino all’arrivo di PayPal. È allora che il potenziale radicale di essere il back-end di criptovaluta per i più grandi nomi della tecnologia inizia ad apparire un po‘ più sexy.

Questo articolo fa parte di CoinDesk’s Most Influential 2020 – una lista di persone di grande impatto nella crittografia scelta dai lettori e dallo staff. Il NFT dell’arte, di Olive Allen, è disponibile per un’asta al Nifty Gateway, con il 50% della vendita in beneficenza.

Così è stato quest’anno per Paxos – l’azienda fondata nel 2012 da Bitcoin OG Charles Cascarilla – quando PayPal ha confermato in ottobre ciò che CoinDesk ha segnalato per la prima volta a giugno: Che i 350 milioni di utenti del gigante fintech avrebbero presto avuto facile accesso ai mercati dei cripto-marketing.

La notizia ha pompato un po‘ di euforia in quella che era stata una tranquilla scalata del grafico dei prezzi bitcoin dai lontani 3.800 dollari del marzo 2020. Improvvisamente il bitcoin era di tendenza, i titoli di PayPal erano ovunque, il prezzo flirtava di nuovo con 20.000 dollari.

E dietro a tutto questo, in agguato silenzioso nella zuppa di alfabeto ben regolato del sistema finanziario statunitense, c’era Paxos e il suo servizio di brokeraggio crittografico di un mese. L’azienda aveva catturato un pesce enorme, battendo concorrenti come Coinbase e Bitstamp.

„Sarebbero stati coinvolti anche se Paxos non esistesse“, ha detto Cascarilla di PayPal in un’intervista all’inizio di questo mese. „Qui non ci lamenteremo troppo di quale sia il nostro ruolo“. Abbiamo presentato un prodotto unico che ha permesso a PayPal di entrare meglio di chiunque altro, ed è per questo che ci stanno usando“.

Quel prodotto si riduce a un sistema chiavi in mano con tutte le T incrociate e punteggiate da Is of U.S. crypto compliance.

Vedete, l’offerta di crittografia di PayPal è davvero „crypto lite“. Quando Joe PayPal User compra 50 dollari di BTC compra davvero un IOU che vive all’interno del giardino murato del suo conto PayPal. Joe non può prendere quel BTC di PayPal e inviarlo a un portafoglio esterno; il suo prezzo ruota all’interno di PayPal fino a quando non viene incassato in fiat. È così che va, per ora.

Nel back-end di ogni acquisto, tuttavia, c’è una rete di chiamate API che riconduce ad itBit, lo scambio di crittografia di livello istituzionale lanciato da Paxos molto tempo fa, quando bitcoin era a centinaia. PayPal Joe tiene la nota nel suo conto; Paxos tiene la crittografia sottostante.

Ci siamo posizionati in modo da rendere possibile questa prima fase di adozione del mainstream. E secondo i dati di CoinGecko, PayPal è stato certamente un bene per gli affari.

Prima dell’annuncio di PayPal del 21 ottobre, i volumi giornalieri erano costantemente nei bassi milioni. Una volta che PayPal ha aperto il rubinetto a tutti gli utenti statunitensi il 12 novembre, il numero è salito a 20 milioni di dollari – toccando addirittura gli 81,9 milioni di dollari in volume nelle 24 ore del 26 novembre, il giorno del Ringraziamento.

Paxos non ha voluto rivelare il suo accordo sulle entrate con PayPal, ma ha detto che accordi simili sono tipicamente una combinazione di tasse di piattaforma e tasse di transazione.

(Nota: oltre a PayPal, Revolut US e i trader istituzionali sono gli altri pezzi della torta del volume itBit).

„C’è questo passaggio dall’early-adopter al mainstream che sta accadendo. E ci deve essere una certa comprensione del fatto che avrà un aspetto diverso quando ci saranno miliardi di persone che lo useranno“, ha detto Cascarilla. „Solo che non sembrerà così adesso. Non è necessariamente una cosa negativa. Se rimane presto, allora non farai mai un grande cambiamento“.

Il Cascarilla è in una buona posizione per saperlo.

Radici „ironiche

Paxos è iniziata ufficiosamente nel 2010 come la più improbabile fattoria mineraria bitcoin di Manhattan.

„Eravamo in subaffitto da Dexia, che è, ironia della sorte, una banca francese fallita“, ha detto Cascarilla, sottolineando che l’accordo è arrivato con l’elettricità gratuita. „Il nostro indirizzo era tra la 57esima e Park. Quindi avevamo, ne sono certo, l’indirizzo più costoso su cui si potesse avere una server farm, e abbiamo esaurito la piastra del pavimento con server e ASIC e GPU“.

A un certo punto, all’inizio degli anni ’20, ha aggiunto, l’operazione comandava fino al 25% della capacità di rete di Bitcoin.

La Cascarilla, cresciuta a Cleveland, all’epoca aveva ancora un piede nel mondo della finanza tradizionale, avendo co-fondato un fondo speculativo nel 2005 dopo un periodo alla Goldman Sachs. È stato attratto da Bitcoin, come molti altri, facendo il soldato durante la crisi finanziaria del 2008.

„La tecnologia aveva un senso per noi, perché avevamo visto come l’impianto idraulico del sistema finanziario ci aveva deluso e aveva esacerbato la crisi“, ha detto.

Da qui la decisione di passare dall’estrazione del bitcoin alla costruzione di nuove tubature.

Cascarilla e il co-fondatore Rich Teo hanno fatto girare itBit nella più criptica Singapore nel 2013 e si sono assicurati una carta di società fiduciaria negli Stati Uniti per Paxos. Il crypto exchange è stato migrato di nuovo a New York e poi sequestrato su stablecoins – denaro gettonato – come la cosa di cui il mercato dei crypto aveva bisogno sulla scia dei problemi di collateralizzazione di Tether.

Lo stabilcoin Paxos Standard (PAX), regolato dal dollaro e regolamentato dagli Stati Uniti, è stato lanciato nel settembre 2018 e ha continuato ad essere un punto focale primario dell’azienda fino all’anno successivo. È stato allora che sono state lanciate le stablecoin a marchio bianco, prima con Huobi e poi con Binance. Tra le altre cose, Paxos si è trovata ad essere il fornitore di legittimità con sede a New York.

Divenne anche la prima e unica azienda di crittografia ad avere un conto completo con la Depository Trust & Clearing Corp. (DTCC), ottenendo persino l’approvazione della U.S. Securities and Exchange Commission per regolare le transazioni azionarie su una catena di blocco.

Tutto questo per dire che il primo bitcoiner e i suoi 130 collaboratori a New York, Singapore e Londra si sono tenuti impegnati a provare le cose.

Una di queste cose è appena atterrata su PayPal.

„Quello che siamo qui per fare è un livello infrastrutturale in modo che chiunque possa entrare a far parte di questo ecosistema“, ha detto Cascarilla, „perché pensano che sia una buona opportunità di business, o perché credono che questo sia il modo in cui il mondo andrà e vogliono far parte di un movimento“. Per noi non ha importanza“.

Che possa essere entrambe le cose – investimento tattico e imperativo ideologico, PayPal-friendly e auto-custodiale – è la „bellezza“ della Bitcoin stessa, ha detto Wences Casares, fondatore di Xapo e uno degli amici di lunga data di Cascarilla.

„È molto giusto che qualcuno come lui aiuti PayPal a portare questo a milioni di persone che necessariamente all’inizio devono farlo attraverso servizi di custodia“, ha detto Casares a CoinDesk in un’intervista. „Chad è abbastanza alto e abbastanza solo come qualcuno che può tenere una conversazione con uno sviluppatore Bitcoin Core o può girarsi e avere una conversazione con Jamie Dimon o Steven Mnuchin. È molto unico e siamo tutti in Bitcoin meglio per lui“.

Cosa c’è dopo

Se PayPal può farlo, cosa ferma Uber? Mela? Qual è l’azienda globale che ha bisogno di pagamenti semplificati?

Non hanno nemmeno bisogno di tenere in mano il contante gettonato; le stablecoin sono solo una chiamata API a distanza.

„Penso che ci sarà qualcosa come un livello di adozione 10x che può avvenire in crypto il prossimo anno“, ha detto Cascarilla. „Penso che si tratti di grandi, grandi aziende, in successione abbastanza rapida, che lanceranno l’accesso alla crittografia per i loro clienti“.

Potrebbe non essere all’altezza della buona fede di Bitcoin, ma la sua diffusione è sorprendentemente vicina.

„L’abbiamo fatto perché pensavamo di poter cambiare la base effettiva dei servizi finanziari, sia per quanto riguarda l’impianto idraulico che, in generale, il modo in cui le persone li consumano“, ha detto Cascarilla. „E penso che ora come industria siamo più vicini che mai a raggiungere questo obiettivo“.

Keine Kommentare

Ethereum finally exceeds $ 1,000; and now ?

ETH faces resistances located at $ 1,150, $ 1,250 and $ 1,440.

Weekly and daily data are bullish.

ETH / BTC pair broke a descending resistance line

Ethereum’s price has risen over 40% in recent weeks, and is now approaching its all-time highs.

While the long-term trend is likely still upward, a short-term decline is expected before The News Spy resumes its upward movement.

The price of ETH increased considerably during the week of December 27 to January 4, by almost 43%. ETH continued to rise during the day of December 4, reaching a high of $ 1,162.97. That said, the price was unable to hold at that level, creating a long upper wick before dropping back below $ 1,000.

This high of $ 1,162 also coincides with the 0.786 fibonacci retracement level, or $ 1,150. If ETH continues to rise, the next resistance would be at $ 1,250, ahead of its all-time high of $ 1,440.

Although they are showing levels of overbought, technical indicators remain bullish. This tells us that ETH will likely continue to rise, and may end up reaching a new all-time high.

Similar to the weekly chart, the day’s data indicators remain bullish. That said, the current daily candlestick is taking the shape of a shooting star, which is normally considered to be a bearish reversal candlestick.

Ethereum’s daily close will be extremely important in helping to determine if ETH has hit a cap.

The two-hour chart shows the first signs of weakness in the form of a lower momentum bar in the MACD, as well as a decline in the RSI from overbought territory. Additionally, ETH is following an ascending support line, which currently sits near $ 800.

Thus, if the ETH continued to decline, it would likely find support near $ 800

Cryptocurrency trader @TheEWguy presented a chart of ETH, saying the price is in an extended third wave and will likely continue to climb above $ 1,000.

The wave count suggests that ETH is still in the 5th sub-wave (in black below) of the third wave (in white) of a bullish impulse that started in March 2020.

Price has already passed the target at $ 1,026 for the top of Wave 3, and is currently in rapid decline.

Thus, ETH is expected to decline in the short term in order to complete Wave 4, before resuming its upward movement towards a new all-time high.

The ETH / BTC chart is bullish, knowing that it reveals a rally to the 0.027₿ area, followed by a move above a descending resistance line.

The next resistance zones are at 0.0335₿ (which has already rejected the price) and 0.04₿.

Technical indicators are bullish indicating that ETH should break above the $ 0.0335 area and continue to rise. That said, a decline serving to validate its crossing point could take place before this advance.

Charts of ETH / USD like ETH / BTC appear bullish, despite the possibility of short-term corrective movement.

ETH / USD is expected to eventually climb to a new all-time high.

Keine Kommentare